Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘università di padova’

Emanuela Canepa

Emanuela Canepa

 

Nata a Roma dove si è laureata in Storia Medievale, vive a Padova dal 2000.
Lavora come bibliotecaria per l’Università e si occupa di assessment in psicologia.
Nel 2017 ha vinto la XXX edizione del Premio Calvino con il romanzo “L’animale femmina“, pubblicato da Einaudi Stile Libero ad aprile del 2018.

Visita la pagina Facebook di Emanuela Canepa.

Emanuela in Instagram: lamanucanepa

1. Perché hai scelto il lavoro/mestiere che fai?
In effetti è lui ha scelto me. Quando mi sono trasferita a Padova ho tentato diversi concorsi e per prepararmi andavo in biblioteca. In quella del Liviano, alla facoltà di Lettere, ho fatto amicizia con una bibliotecaria che mi ha dato alcune dritte per prepararmi al meglio ai concorsi banditi dall’università. Ho provato ed è andata bene.

2. Qual è l’aggettivo che meglio definisce la tua attività?
Paziente. E non è una qualità di cui sono particolarmente dotata.

3. Qual è il tuo primo ricordo di una biblioteca?
Sono nata a Roma alla fine degli anni ’60. Il concetto di biblioteca di quartiere era inesistente, ed è rimasto tale per vent’anni ancora. In compenso c’era un numero immenso di straordinarie biblioteche storiche: la Vallicelliana, la Casanatense, la Vaticana, l’Angelica, solo per dire le più famose. La prima davvero imponente in cui sono entrata è stata la biblioteca dell’École Française a Palazzo Farnese. Era talmente bella che credevo di morire. I primi due giorni l’ho girata in lungo e in largo, come fosse uno scavo di carta. Ci ho messo un po’ per ritrovare la calma e mettermi seduta a studiare.

4. Come definiresti la biblioteca?
Più che un luogo le biblioteche sono stati dell’anima. Mi piace usare le parole di Rilke: È bello stare in mezzo a uomini che leggono.

5. Cosa ti piace di più in una biblioteca?
Il fatto che anche se sei in compagnia non occorre parlare ed è fisiologico leggere. Non mi serve molto altro per essere felice.

6. Quale è stato il primo libro che hai letto?
Onestamente non saprei perché è passato parecchio tempo, purtroppo. Posso dire qual è il primo che ricordo, però. La “Trilogia” di Italo Calvino. Un ricordo indelebile. È il libro che mi ha fatto capire che tutti possiamo avere una seconda vita sulla carta.

7. Quale libro ti ha lasciato un ricordo speciale?
“L’opera al nero” di Marguerite Yourcenar. Ho pensato che se al mondo esistevano una scrittrice simile e un personaggio come Zenone, poteva valere la pena qualsiasi cosa.

8. Quale libro consiglieresti a un giovane lettore?
Gli consiglierei di non accettare consigli. Da nessuno. E di mettersi a leggere solo quello che attira la sua attenzione. Consigliare i giovani mi pare rischiosissimo per una vocazione anarchica come deve necessariamente essere la lettura.

9. Leggere fa bene? E perché?
Non so se mi sento di sottoscrivere quest’affermazione. Preferisco pensare che fa bene essere se stessi. Fa bene la ricerca della verità. Fa bene per quanto possibile evitare la dissimulazione di sentimenti o intenzioni sincere in nome di astratti timori o galatei. Per tutte questi percorsi la lettura è una fonte inesauribile di suggerimenti, e può essere di enorme aiuto. Però se poi uno trova un’altra strada per fare la stessa cosa, non mi sento di metterla in una condizione gerarchicamente inferiore alla lettura. A parte il fatto che dire che leggere fa bene per principio è un po’ assolutorio. Il mondo è pieno di gente a cui leggere non ha fatto bene per nulla. Anzi. Come ogni input, leggere è un’attività neutra. Può fare bene o male a seconda della cornice in cui la inscrivi.

10. A quale altra domanda avresti voluto rispondere?
Adesso che hai pubblicato un libro, c’è un vantaggio tangibile a cui non avevi pensato quando scrivevi solo per te?
Sì, uno, enorme: un sacco di editori – non solo il mio, intendo – ti spediscono i libri a casa. Gratis. Ancora non ci credo.

cop animale femmina

L’animale femmina – Einaudi, 2018

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: